L’impatto visivo di chi arriva per la prima volta in Cansiglio è paragonabile alla sensazione del respiro profondo che segue un momento di apnea. Si arriva in un altopiano ondulato da una strada adorna di faggi, abeti e mari verdi di curatissimi prati.
La particolarità del Cansiglio è proprio la sua vegetazione, dovuta a un microclima particolare, caratterizzato da un’inversione termica marcata. Questo fa sì che le temperature più fredde siano in basso, dove troviamo le conifere, e in alto ci siano temperature più miti e latifoglie.
Camminando all’interno del bosco si possono scorgere piante rare ma anche e soprattutto faggi, abeti rossi e bianchi.

Foto di Enrico Breda concessa da unsplash.com

In Cansiglio la neve non si fa certo desiderare: scende copiosa e regala agli appassionati un ventaglio di possibilità davvero ampio. Ci sono sentieri facili, da percorrere con le ciaspe o a piedi, o dorsali da risalire con le pelli di foca.
Alcune escursioni sono ormai diventate dei classici per gli abitanti della zona e anche per i turisti che arrivano da fuori.
Per chi arriva in Cansiglio tra la metà di settembre e la metà di ottobre c’è la possibilità di udire un suono molto particolare all’interno del bosco: il bramito dei cervi in amore. Un verso profondo, quasi un lamento selvaggio. A volte è intermittente, altre più continuo; si diffonde per tutta la piana, soprattutto all’imbrunire, quando i cervi escono dalla foresta per recarsi nei pascoli. Questo fenomeno richiama naturalisti e appassionati che tuttavia potrebbero rimanere delusi, visto che il rumore della presenza umana fa sì che il cervo non esca dal bosco.

Per maggiori informazioni visita questo sito.

Ftoto di Alessio Furlan concessa da unsplash.com


    Ho letto l'informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei dati personali trasmessi
    Contatta la Fondazione